(red.) Tragedia sfiorata per un soffio a Torbole Casaglia, nel Bresciano, dove un ultraleggero, con a bordo due persone, è precipitato attorno alle 18 di venerdì.
Il velivolo era decollato dall’aviosuperficie Pradelle a Torbole per un volo di prova finalizzato ad una compravendita.
Al piccolo aereo “Sparviero” costruito nel 2009, era interessato un pilota 50enne di Brescia, Luca Frattini che, insieme con il proprietario, un torinese di 51 anni, Antonino Mogavero, commerciante di ultraleggeri, voleva testare il velivolo. Dopo le operazioni di rullaggio sull’aviosuperficie l’aereo ha preso quota, ma dopo poco, forse a causa di un’avaria, il motore è andato in stallo e i due uomini a bordo, entrambi esperti piloti, hanno iniziato le manovre per un atterraggio di emergenza.
L’ultraleggero si è schiantato sull’erba della pista di volo, precipitando da un´altezza di 5-6 metri.
Il velivolo è andato completamente distrutto, ma fortunatamente i due uomini che erano a bordo si sono salvati. Hanno riportato entrambi contusioni ed ematomi, ma non sarebbero in pericolo di vita. Sono stati ricoverati al Civile ed alla Poliambulanza di Brescia.

Comments

comments

1 COMMENTO

  1. Purtroppo la “tragedia” non sta in quello che è successo all’ultraleggero, ma in “quello” che ha scritto il giornalista!!! Penso che il capo redazione di “quiBrescia.it” dovrebbe sospendere l’articolista dal descrivere fatti ed eventi su argomenti che non sa nemmeno di che cosa si tratti…….
    Questa non è come dite di solito “informazione”, ma semplicemente ignoranza di quello che realmente accade.