(red.) Si è conclusa attorno alle 23,30 di lunedì l’occupazione degli uffici dell’assessorato all’Ambiente del Comune di Brescia ad opera di alcuni esponenti del Comitato Brescia sud della Primaria Deledda, del Coordinamento Sos Scuola, della Rete Anti Nocività Bresciana e del Kollettivo Studenti.
La protesta in via Marconi, dove si trova la sede dell’assessorato di Paola Vilardi, era iniziata alle 15 di lunedì pomeriggio per  porre un faro sulla situazione ambientale della zona Caffaro, soprattutto in relazione allo stato di bonifica dell’area verde su cui sorge la scuola Deledda, inquinata da Pcb.
I manifestanti hanno incontrato Giovanni De Stavola, dirigente della Digos di Brescia e, verso le 22,15, il sindaco di Brescia Adriano Paroli, che ha avuto con loro un colloquio a porte chiuse con la presenza di Marco Fenaroli.
Il primo cittadino uscente ha rassicurato gli attivisti: il tema della bonifica ambientale e del sito Caffaro saranno la centro della prossima giunta comunale.

Comments

comments