(red.) Matera e Potenza occupano il 69esimo e il 70esimo posto nella classifica delle province per grado di esposizione al rischio di indebitamento e di usura per le piccole e medie imprese (ricerca di Maurizio Fiasco per la Camera di commercio di Roma i cui contenuti sono illustrati lunedì 22 luglio da Il Sole 24 Ore). Guida la graduatoria la provincia di Bolzano che ha totalizzato mille punti, cioè è quella esposta meno al rischio di indebitamento e di usura. Matera ha totalizzato 315 punti, Potenza 312.
E Brescia? Dove le attività economiche vittime della difficile congiuntura fanno gola ad affaristi senza scrupoli e strozzini? La nostra provincia si colloca, secondo la classifica del quotidiano economico, in una situazione di criticità, maggiore rispetto alla citata Bolzano, ma inferiore a Bergamo, Milano, Pisa e Venezia, occupando ex aequo il 31esimo posto con Bologna e Lecco.
Nella graduatoria emerge che il rischio delle pmi di finire vittime dell’usura sia abbastanza alto in Italia. Nella graduatoria nazionale, nelle prime 25 posizioni le province del Nord Est della Lombardia, dell’Emilia Romagna e la Toscana. Fanalino di coda sono le province meridionali, cui si aggiungono Frosinone e Latina.

 

Comments

comments