E' iniziato The Floating Piers. Tutti sulla passerella di Christo

(red.) Ore 7,40 di sabato 18 giugno: ha aperto la passerella The Floating Piers, tra Sulzano, Montisola e San Paolo, sulla sponda bresciana del lago d’Iseo. E come aveva voluto l’artista e creatore Christo, nessun taglio del nastro e nemmeno cerimonie particolari. Semplicemente l’autore dell’opera, da tutti definita come la nuova Expo, si è circondato delle autorità e dei cittadini iniziando a percorrere il tratto da Sulzano. The Floating Piers, quindi, dopo tanta attesa, può dirsi iniziata. Un’attesa che è stata spasmodica, tanto che numerosi turisti sono arrivati proprio a Sulzano già nella tarda serata di venerdì 17, quando speravano che il via potesse arrivare con il buio. Invece, è giunto con le luci del subito dopo l’alba, prima delle 8.
Dal punto di vista della cronaca, bisogna però sottolineare che c’è già stato un primo intoppo, in via di risoluzione. Il primo treno sulla linea Brescia-Iseo-Edolo sarebbe dovuto partire alle 5,55 dalla città, invece è partito un’ora dopo. Sui binari, infatti, come scrive il Giornale di Brescia, in corrispondenza della stazione di Bornato, qualcuno nella notte ha messo dei pezzi di rami e uno striscione contro la famiglia Beretta. La Polfer è intervenuta per liberare la circolazione, ma si sono già registrati dei ritardi. Tornando alla passerella, invece, diverse le autorità presenti. Tra loro, il ministro delle Riforme Maria Elena Boschi in rappresentanza del Governo (in attesa del premier Matteo Renzi nei giorni successivi) e le principali istituzioni a livello regionale, provinciale e dei comuni.

Ministro Boschi e Christo sulla passerella
Ministro Boschi e Christo sulla passerella

All’inaugurazione c’erano il governatore Roberto Maroni accompagnato dalla giunta con gli assessori bresciani Mauro Parolini, Viviana Beccalossi e Simona Bordonali. Poi il prefetto Valerio Valenti, il questore Vincenzo Ciarambino, il presidente della Provincia Pierluigi Mottinelli e tutti i sindaci della zona del Sebino. Tra questi, anche il primo cittadino di Bergamo Giorgio Gori. L’operazione della passerella di Christo può dirsi entrata nel vivo, così come le iniziative collaterali e la possibilità di fruire dell’opera in modo diverso. Si potrà percorrere anche di notte quando la larghezza di tragitto sarà ridotta da 8 a 5 metri per motivi di sicurezza e il ponte illuminato. A dare la luce saranno diversi lampioncini a led realizzati negli Stati Uniti e che saranno posizionati ogni notte per poi essere ricaricati di giorno. Infatti, saranno autonomi.

Il governatore lombardo Maroni e Christo su The Floating Piers
Il governatore lombardo Maroni e Christo su The Floating Piers

Ma sono state trovate altre soluzioni anche per chi non potrà arrivare. All’ospedale Civile di Brescia è stata realizzata una tecnologia che consente di mostrare sulle pareti del reparto di Oncologia le immagini in tempo reale del ponte. L’autore dell’hitech è lo stesso di Kolectio, l’applicazione scaricabile gratuitamente dal cellulare e che consente di condividere in automatico le foto che si desiderano. Tutte quelle scattate in questo modo sul ponte saranno visibili nella sala multimediale del museo di Santa Giulia dove è esposta la mostra “Christo and Jeanne-Claude. Water Projects”. Tra le altre iniziative sul lago d’Iseo, a Montisola fino al 24 giugno alla Rocca Oldofredi è aperto “Around The Floating Piers”, un progetto con sedici interviste sulle storie dei pescatori, barcaioli e cittadini dell’isola lacustre abitata. The Floating Piers, insomma, è iniziato: passerella aperta, di giorno e di notte (meteo permettendo) fino al 3 luglio ed è atteso 1 milione di persone da tutto il mondo. L’evento è disponibile anche in diretta streaming dalle webcam di Sulzano e Montisola. Foto e messaggi anche con l’hashtag #TheFloatingPiers.

Tutti i tweets da The Floating Piers

Comments

comments

4 Commenti

  1. Solo un folle poteva pensarlo, e soprattutto riuscire a farlo.
    Onore a un Artista che davvero ha dimostrato come le idee possano camminare da sole, contro ogni pregiudizio e ogni proibizione.
    Quando aveva fatto la proposta mi ero detto: figurati se ce la farà… e invece…
    Bene, benissimo, alla faccia dei menagramo e dei polemici a libro paga, e di quanti i sogni se li devono far vistare da un blog o da un direttorio.
    E se qualcuno ci metterà due soldi in scarsella, ancora meglio

    • vedo che insisti con la barzelletta del “blog e del direttorio”. Effetto TG?
      PS: è dura ammettere che Renzi, Monti & Berlusconi ci hanno preso per i fondelli, vero? Ti capisco. Continua così, se ti fa stare meglio……….