(red.) Proseguono i controlli della polizia nella zona della stazione di Brescia. In un primo episodio, gli agenti hanno notato un maghrebino che stava entrando con fare agitato in un negozio: perquisito, è stato trovato con un coltello a serramanico e in più era clandestino. In via Fratelli Ugoni, invece, è stato fermato un 26enne rumeno, con precedenti per ricettazione, che aveva con sé una borsa con diciassette confezioni di profumi di marca e alcuni tester.

L’uomo è stato indagato per contraffazione di marchi di prodotti industriali, introduzione nello Stato e commercio di prodotti con segni falsi e ricettazione. L’ultima operazione in via Solferino dove la Volante del Carmine ha arrestato uno spacciatore tunisino, in possesso di nove stecchette di hashish, per un peso totale di circa 16 grammi.

L’uomo si è giustificato dicendo di essere disoccupato e di avere come unico mezzo di sostentamento il ricavato dell’attività di spaccio. Dopo le manette in flagrante, per lui sono scattati anche il divieto di dimora a Brescia per otto mesi e il nulla osta all’espulsione.

Comments

comments

2 Commenti

  1. Come saranno puniti i tre fermati? e poi fermati per quanto? e ancora….tre! Sappiamo bene tutti che solo in città saranno tremila almeno i tipi del genere che andrebbero fermati!! e il peggio è la consapevolezza che aumenteranno …..

  2. Ci siamo portati in casa la peggior feccia dell’universo, con la conseguenza che abbiamo una spaventosa e agguerrita delinquenza, e ancor più è quella potenziale.
    Ma c’è gente che si preoccupa di altro, ad esempio se vengono rilasciati gli scontrini (o giù di lì).