Boom del trasporto pubblico in città. Il 5 marzo metro gratuita per la festa dei quattro anni

(red.) Giovedì 2 marzo sarà il compleanno (quattro anni) della metropolitana di Brescia inaugurata proprio il 2 marzo del 2013. Per l’occasione domenica 5 ci sarà una grande festa in centro e presentata martedì 21 febbraio, ma ha dato l’opportunità anche per fornire i numeri del trasporto pubblico locale in città. A illustrarli sono stati il sindaco Emilio Del Bono, l’assessore alla Mobilità Federico Manzoni, il direttore di Brescia Mobilità Marco Medeghini e il presidente di Metro Brescia Flavio Pasotti. Dal 2 marzo 2013 i passeggeri del trasporto pubblico locale sono passati dai 41 ai 53 milioni all’anno, con un aumento di quasi il 30%, “primo caso in Italia” ha sottolineato il primo cittadino.

Per quanto riguarda il 2016, sono stati 17 milioni i passeggeri saliti sulla metropolitana e 36 milioni quegli sugli autobus. Rispettivamente un milione in più a testa rispetto al 2015. A questo si aggiunge, come emerso, che il traffico da auto e mezzi privati è calato del 10% nel centro storico e del 3-4% nel resto della città. Questo vuol dire che molti bresciani sono stati attirati dall’idea di lasciare l’auto sotto casa e di raggiungere il centro con i mezzi pubblici. Tra l’altro, sul fronte della metropolitana ma dal punto di vista giudiziario, è stato sottolineato come in due mesi dovrebbe risolversi il braccio di ferro con la Regione Lombardia per i contributi chilometrici. A marzo il Pirellone terrà una conferenza regionale del trasporto pubblico locale per capire le esigenze dei vari enti locali, mentre in aprile il Consiglio di Stato discuterà il ricorso dello stesso Palazzo Pirelli contro il Tar che aveva dato ragione a Brescia.

Tornando sul trasporto pubblico, i numeri considerati soddisfacenti per l’uso di metro e autobus stanno invogliando la Loggia a puntare su nuovi investimenti. Per esempio, il tram che collegherà il centro con l’Oltre Mella e il PalaEib. Ma l’obiettivo è la costituzione di una vera e propria rete di mezzi, sfruttando anche le ferrovie regionali. A proposito della metropolitana, domenica 5 marzo sarà celebrato il compleanno delle quattro primavere. La mattina ci sarà la “corsa rosa” in centro storico aperta a tutte le donne con partenza e arrivo in piazza Vittoria.

Nel pomeriggio, invece, spazio alla musica con i volti più noti, tra i Righeira, Ivana Spagna e Alexia che canteranno i brani più noti degli anni Ottanta, Novanta e Duemila dalle 16,30 fino alle 18. Tutto sarà collegato, come sfondo, agli anni Ottanta quando era partita l’idea progettale del metrobus. La volontà, infatti, è proprio quella di ripercorrere i trent’anni da quel periodo. Dalle 15 nelle stazioni di Sant’Eufemia, San Faustino e Stazione Fs ci saranno balli. Poi alle 16,30 in piazza Vittoria con il dj Fulvio Marini, Brio e altri volti noti delle discoteche. In mezzo ci saranno anche le incursioni del comico da “Zelig” Giorgio Zanetti. Gli eventi e l’accesso alla metropolitana, per tutta la giornata, saranno gratuiti.

Comments

comments

4 Commenti

  1. Sono spudorati, tanto quanto il loro compagno di merende che ha voluto questa opera disastrosa per i bresciani, e che svendendo l’ASM all’outlet , ha fatto più danni di un’invasione di Lanzichenecchi

    • Ecco, spudorati è la parola di sintesi. Stride un po’ la presenza di Flavio Pasotti, il sostituto a sorpresa (effetto Incalza-Perotti ?) nientemeno che di Ettore Fermi in Brescia Metro srl, ossia del padre-padrone dell’infrastruttura, alias trenino inutile. Io non l’ho ancora ben capita questa nomina di Del Bono. Aspettiamo e vediamo.

  2. C’è qualcuno del quartetto forografato che ci sa dire dove troviamo ii 25 milioni di euro annui di costi di gestione del Metrobus nel 2017 e poi nel 2018, 2019 e così via almeno sino sino al 2030 ? E magari c’è anche chi nel quartetto che ci sa dire quando sarà abolita l’addizionale IRPEF (tassa di scopo “straordinaria” per il Metrobus) che dal 2012 costa alle tasche dei bresciani 13 milioni di uero ? Se non ci sono risposte alternative allo svendere partecipazioni, immobili ed azzerare riserve, più che di compleanno meglio parlare di funerale…