(red.) Venerdì mattina 19 maggio è partita la seconda tappa della Mille Miglia che da Padova porterà a Roma. Al momento a guidare la corsa c’è l’equipaggio di Luca Patron e Massimo Casale su una Om 665 Superba, poi Andrea Vesco e Andrea Guerini (Alfa Romeo 6C 1750 GS del 1931) e Giovanni Moceri con Daniele Bonetti con lo stesso modello di auto di Vesco-Guerini. Ma il titolo di regolarità sarà aggiudicato nella Capitale, a Villa Borghese, anche se il campione dovrà mantenere lo stesso ritmo fino all’arrivo a Brescia tra sabato e domenica.

Intanto, è stato un successo la partenza giovedì pomeriggio alle 14,36 da viale Venezia con la Om 665 Sport Superba 2000 del 1927 condotta da Giuliano Cané, vincitore di dieci edizioni della corsa. Ed è stato anche il giorno dei vip, con l’arrivo in piazza Vittoria di Joe Bastianich tra i partecipanti alla gara. Nel pubblico, come semplice visitatore, cellulari e macchine fotografie sono state rivolte anche a Francesco Facchinetti giunto a Brescia per l’occasione. Nel pomeriggio la carovana si è mossa verso Padova per la prima tappa, ricevendo un bagno di folla tra Desenzano, Sirmione e Verona.

Sul lago di Garda c’è stata anche la staffetta tra Diletta Leotta e Cristina Chiabotto, mentre l’altra presenza femminile partecipante alla competizione è Anna Kanakis. C’è però da segnalare un episodio avvenuto giovedì sera ad Asolo, in provincia di Treviso. Un’auto partecipante alla corsa, infatti, una Stanguellini 100 Sport con a bordo Alberto Palazzani e Dong Jun, è stata coinvolta in un principio d’incendio dal motore. Ma il problema si è risolto in pochi minuti. Nella seconda tappa di venerdì, da Padova a Roma, la Mille Miglia passerà da Ferrara, Ravenna, Gambettola, San Marino, Urbino, Gubbio, Perugia, Terni e Rieti. Poi nella Capitale dove l’arrivo è previsto intorno alle 21,40.

Comments

comments