di Sandra Perini
La rinite allergica è una condizione infiammatoria cronica della mucosa nasale causata da una reazione allergica a diversi componenti tra cui il polline delle piante, gli acari della polvere e il pelo degli animali. La rinite allergica è solitamente stagionale, ma ci sono persone che ne soffrono abitualmente.
I sintomi più comuni che possono compromettere la qualità di vita di chi ne soffre sono: rinorrea, prurito al naso, lacrimazione persistente degli occhi accompagnata a gonfiore, mal di testa, spossatezza, insonnia.

Dalla natura abbiamo alcuni contributi fitoterapici ed essenziali.
L’ortica, sotto forma di infuso o estratto secco; blocca gli effetti dell’istamina nelle condizioni di allergia al polline delle piante.
La perilla è un fitocomplesso immunomodulante e antiallergico, confermato scientificamente. Ottimo per la rinite allergica, la dermatite allergica e tutte le manifestazioni infiammatorie.
Il tè verde contiene un principio che inibisce la produzione di istamina, alleviando la iper-reattività del sistema immunitario. È possibile consumarne più tazze al giorno visto il basso consumo di teina.
Il Ribes Nero, sotto forma di macerato glicerico, ha una funzione cortison-like e riduce la reazione allergica.
Il miele consumato abitualmente previene l’insorgenza delle allergie, contenendo polline in forma ridotta, funziona come un vaccino naturale e aiuta l’organismo ad abituarsi all’allergene.
La liquirizia, presa sotto forma di tisana od estratto secco, presenta proprietà antinfiammatorie e antitussive. Controindicata per chi soffre di ipertensione.
La curcuma è antinfiammatoria e anticancerogena, favorisce il blocco delle IgE diminuendo l’insorgenza dei sintomi dell’allergia. Per essere assimilata dall’organismo va assunta associata al pepe nero. Possibile unirla alle zuppe, o preparare il famoso latte d’oro (Golden Milk) che verrà menzionato nei prossimi articoli.
Come oli essenziali possiamo ricorrere a quelli contenenti il principio chimico dell’azulene o camazulene, due composti antinfiammatori e antistaminici che troviamo nella camomilla blu e nell’achillea blu.
Importante evitare invece gli alimenti contenenti istamina come carne e pesce stagionati e affumicati, frutti di mare, pesce crudo, insaccati, formaggi stagionati, legumi. 

Sandra Perini, naturopata, aromaterapeuta e psicoterapeuta, lavora a Brescia. Visita il suo sito e segui le sue conferenze. 
La Naturopatia è un insieme di discipline olistiche complementari che si occupano dello stato di salute della persona attraverso una valutazione energetica e funzionale. Essa attiva la forza di autoguarigione insita nella persona e la sua capacità di autoregolazione utilizzando metodiche e rimedi naturali. Opera nell’ambito della prevenzione attraverso la disintossicazione a livello fisico ed emotivo, mentale ed energetico. Non si sostituisce ad un parere medico, anzi, in molti casi, il Naturopata collabora con il medico promuovendo anche il percorso di consapevolezza della persona. 

Ecco altri approfonddimenti da leggere 

Stress e stanchezza? Un aiuto dal Magnesio

Vitamina D: tre motivi per tenerla sotto controllo

Omega 3: Acidi grassi necessari per l’organismo

Un Natale speciale con un mix di oli essenziali

Zenzero: le sei proprietà ‘magiche’ della radice 

Ipertensione? La lavanda ti può dare una mano

Melograno: frutto di stagione con bonus vitaminico

Smog e Pm10: tre ingredienti per difendersi

Aromaterapia contro i malanni dell’autunno

Comments

comments