di Sandra Perini
L’estate con le alte temperature causa la dilatazione dei vasi sanguigni producendo alcuni effetti fastidiosi, come il gonfiore alle gambe e alle caviglie, accompagnato talvolta dal dolore, senso di pesantezza e stanchezza generale. E’ un problema che riguarda in misura maggiore le donne, ma recentemente anche gli uomini lamentano questi disturbi, soprattutto per coloro che lavorano molte ore in piedi.

Questi disagi sono la conseguenza della stasi venosa, cioè del ristagno del sangue nelle vene. Il sangue che dai piedi sale verso il cuore, può in questi casi refluire verso il basso e causare una dilatazione dei vasi capillari e delle vene. Ecco perché si dice di “tenere alte le gambe”, ripristinando lo scorrimento normale del sangue.
Possiamo prevenire la situazione attivando comportamenti salutari mediante il movimento fisico, il massaggio, l’uso di scarpe comode senza tacchi troppo alti e bandire il fumo.

E’ possibile utilizzare rimedi naturali come l’ippocastano che rinforza la parete dei vasi sanguigni favorendone l’elasticità e la resistenza: ha proprietà vasoprotettrici, antiedematose e antinfiammatorie e valido aiuto contro la cellulite. E’ presente in semi, tintura, capsule o pomate, per il dosaggio è importante farsi consigliare da personale esperto in base alla circostanza.
Un valido aiuto di pronto soccorso è l’olio essenziale di menta piperita: ottimo rinfrescante antiedematoso, drenante linfatico e antinfiammatorio.

In 50 ml di gel di aloe si mettono 5 gocce di olio essenziale di menta piperita, conservate in frigorifero. Quando il caldo è insopportabile ne basta una piccola quantità da massaggiare sulle gambe per ottenere un effetto benefico immediato! Dopo un’ora spruzzate un po’ di acqua per riavere lo stesso risultato senza doverlo riapplicare. 

 Sandra Perini, naturopata, aromaterapeuta e psicoterapeuta, lavora a Brescia. Visita il suo sito e segui le sue conferenze. 
La Naturopatia è un insieme di discipline olistiche complementari che si occupano dello stato di salute della persona attraverso una valutazione energetica e funzionale. Essa attiva la forza di autoguarigione insita nella persona e la sua capacità di autoregolazione utilizzando metodiche e rimedi naturali. Opera nell’ambito della prevenzione attraverso la disintossicazione a livello fisico ed emotivo, mentale ed energetico. Non si sostituisce ad un parere medico, anzi, in molti casi, il Naturopata collabora con il medico promuovendo anche il percorso di consapevolezza della persona.

Leggi anche:

I cinque rimedi naturali contro le infiammazioni 

L’elisir di lunga vita? Bere due litri di acqua al giorno

Primavera: nove rimedi naturali contro le allergie

Stress e stanchezza? Un aiuto dal Magnesio

Vitamina D: tre motivi per tenerla sotto controllo

Omega 3: Acidi grassi necessari per l’organismo

Un Natale speciale con un mix di oli essenziali

Zenzero: le sei proprietà ‘magiche’ della radice 

Ipertensione? La lavanda ti può dare una mano

Melograno: frutto di stagione con bonus vitaminico

Smog e Pm10: tre ingredienti per difendersi

Aromaterapia contro i malanni dell’autunno

Comments

comments