(red.) E alla fine, nella giornata di mercoledì 11 luglio, si è risolta la situazione all’ostello Trentapassi di Zone, nel bresciano, dove i ventidue richiedenti asilo africani, tutti dai 18 ai 25 anni, sono stati trasferiti in un’altra struttura e in attesa di prendere altre direzioni. A effettuare lo sgombero sono stati i carabinieri della compagnia di Chiari dopo che gli stessi migranti già di mattina erano stati avvisati. Quindi, hanno potuto raccogliere le proprie cose, mangiare e infine essere condotti su un autobus.

Tutto è avvenuto senza tensioni né violenze dopo quanto era accaduto nei giorni precedenti. Prima, quando si erano rifiutati di collaborare nella pulizia dei sentieri intorno alle piramidi e dicendo di non essere tenuti a lavorare. Poi, in seguito a una lettera del sindaco Marco Zatti rivolta al prefetto Annunziato Vardé per chiedere il trasferimento degli stranieri e che era avvenuto con i primi due che avevano perso il diritto all’accoglienza. Ma si erano verificate tensioni tra gli altri che si erano rifiutati di lasciare l’ostello.

Infine, nella giornata di martedì 10 luglio la stessa situazione che aveva fatto intervenire le forze dell’ordine. Da mercoledì pomeriggio, quindi, la struttura è vuota e si attendono altri migranti come ricambio e che il primo cittadino spera siano più collaborativi. Ma di certo chiede che siano meno dei 24 precedenti perché più gestibili.

Comments

comments