(red.) Avevano definito “vomitevole” con un commento sul popolare sito internet Tripadvisor una crema realizzata dalla pasticceria di Iginio Massari a Brescia. Così per i due è arrivata una condanna per diffamazione. “I social sono un valido strumento di comunicazione che consentono di raggiungere luoghi e persone lontane. Attenzione tuttavia ai contenuti. Fiducia nella giustizia” ha commentato su Twitter il noto maestro pasticciere e giudice tv bresciano dopo la sentenza. Interpellato dall’Ansa, ha detto che “va bene una critica, ma non diffamatoria.

Qui avevano esagerato e ho deciso di prendere la via legale che è durata cinque anni. Una battaglia che ho fatto da solo, senza sostegno del motore di ricerca, ma già dal primo passo la Polizia Postale aveva ravvisato la diffamazione. Alla fine il giudice mi ha prospettato una transazione che ho accettato devolvendo l’importo del danno a una Onlus che si occupa di acquistare macchinari e supporti tecnologici adeguati ai bambini ricoverati all’ospedale pediatrico di Brescia“. Il pasticciere rivela anche di non aver mai conosciuto i due critici, pur sapendo soltanto che si trattavano di due 30enni.

Comments

comments

1 COMMENTO

  1. Mah! L’anno scorso ho comperato alla Pasticceria Veneto una dozzina di cannoncini; la paste che in assoluto preferisco, e peraltro un classico. Non erano vomitevoli, ma davvero niente di speciale, nè come pasta nè come crema. Molto, ma molto meglio quelli della Pasticceria Piccinelli in Viale Duca degli Abruzzi a Brescia.
    Forse Massari dovrebbe un po’ abbassare i toni, e i prezzi.
    Andrea Breda