(red.) Dopo la pausa natalizia anche gli agenti della Polizia penitenziaria di Brescia sono tornati al lavoro nelle due carceri di Canton Mombello e Verziano, ma hanno trovato una pessima sorpresa. Infatti, devono pagare il periodo di pernottamento che hanno trascorso in caserma tra ottobre 2017 e oggi e per un importo di 650 euro per ciascun poliziotto. E’ quanto denuncia il sindacato Fp Cgil attraverso una nota del coordinatore regionale Calogero Lo Presti in cui si fa riferimento a una circolare emessa lunedì 7 gennaio.

E la comunicazione sarebbe però legata a una “errata stima delle risorse economiche stanziate con l’ultimo Def. Nonostante cambino i Governi e nonostante le promesse in campagna elettorale, la politica rimane, ancora una volta, lontana, se non miope, alle problematiche e alle esigenze dei poliziotti penitenziari”. Per questo motivo il sindacato ha chiesto la sospensione del provvedimento e un incontro urgente con i vertici dell’amministrazione penitenziaria e il ministro della Giustizia. Dicendosi anche pronti allo stato di agitazione.

Comments

comments