Foto da Gardapost

(red.) Nella notte tra giovedì 3 e venerdì 4 gennaio scorsi sono spariti 21 dei 120 faretti che di notte illuminano la passeggiata pedonale dal vecchio Mulino fino al confine con San Felice del Benaco a Salò, nel bresciano. Del furto ne dà notizia il Giornale di Brescia. La sensazione è che non si sia trattato di un atto vandalico, ma di un’azione premeditata, studiata e ben organizzata. E quindi che sia stata opera di professionisti, forse su commissione. Gli autori hanno raggiunto la passeggiata a sbalzo sul lungolago inaugurata nel giugno del 2016 e da sotto hanno prima svitato i supporti dei fari.

Poi hanno tagliato i cavi elettrici e infine hanno rimosso le lampade. Un vero e proprio lavoro certosino. A questo punto il Comune, che ha denunciato l’episodio ai carabinieri, dovrà spendere fino a 10 mila euro per sostituirli e installarli, facendo immaginare a come si trattino di faretti di qualità. Forse da piazzare sul mercato. Tra l’altro, la zona è ancora scoperta dalla rete di videosorveglianza che l’amministrazione intende attivare in virtù di un bando e con centinaia di telecamere. Un raid del genere, ma in quel caso opera di vandali, si era consumato nel febbraio del 2015 quando alcuni ragazzini avevano colpito dei lampioni sulla ciclabile di via Panorama, procurando un danno di 30 mila euro.

Comments

comments

1 COMMENTO

  1. Che bisogno c’era di faretti sul lungolago? Solo l’ennesimo disturbo luminoso in notti che non sono più notti. Già il corrimano garantiva la sicurezza. E se uno inciampa son cavoli suoi, stia più attento.
    Andrea Breda