Leggo con interesse il contenuto della lettera aperta scritta dal consigliere comunale dei Cinque Stelle, Guido Ghidini, in tema di cultura e gratuità dei musei di Brescia.
Innanzitutto, registro con soddisfazione il giudizio positivo espresso in merito all’iniziativa “Natale al museo”, che si è svolta nel periodo delle feste, registrando un’eccezionale affluenza di pubblico di cui daremo conto alla città nei prossimi giorni. Per noi è un ulteriore segnale che stiamo andando nella direzione giusta.
Apprezzo la sollecitazione ad aprire un dialogo e un confronto per trovare il modo di estendere la gratuità ad altri periodi: rendere la cultura alla portata di tutti è per noi fondamentale e siamo convinti che il nostro meraviglioso patrimonio museale vada valorizzato anche attraverso azioni di questo tipo, oltre che con una politica di prezzi accessibili per musei e mostre temporanee (in alcune occasioni ulteriormente contenuti per i residenti di città e provincia), di specifiche agevolazioni, in particolare per il mondo della scuola (che è uno dei nostri target privilegiati), con il biglietto unico in abbinamento ad altre realtà museali e con la Mobility card che facilita economicamente l’accoppiata museo-trasporto pubblico. Un convincimento che si traduce concretamente nella riproposizione in più periodi della gratuità: non solo a Natale, ma anche ad agosto e in occasioni quali la Notte della Cultura.

Purtroppo però, come sempre accade, bisogna fare i conti con la fattibilità economica di quanto si vorrebbe realizzare. I musei bresciani sono musei civici, cioè comunali, esclusi quindi dalle sovvenzioni statali di cui possono godere altre realtà come, ad esempio, gli Uffizi di Firenze o la Tate di Londra. La bigliettazione museale nel 2017 ha fruttato 550mila euro, una cifra ad oggi irrinunciabile per garantire la fruibilità e la manutenzione dei musei cittadini, che nel caso in cui si valutasse l’ipotesi di rendere gratuito l’accesso tutto l’anno dovrebbe essere trovata attraverso sponsorizzazioni, non potendo gravare sul bilancio comunale o godere di finanziamenti statali.
Il tema è sicuramente interessante ed è oggetto di una riflessione da parte mia e dell’Amministrazione comunale, siamo disponibili a un confronto costruttivo e a sperimentare nuove strade per rendere l’offerta culturale della nostra città sempre più ricca e alla portata di tutti.

Laura Castelletti, vicesindaco e assessore alla Cultura del Comune di Brescia

Comments

comments