(red.) E’ incredibile quanto successo lunedì pomeriggio 7 gennaio a Lonato del Garda, nel bresciano, anche se previsto dalle nuove modifiche al Codice della Strada legate al decreto Sicurezza del ministro dell’Interno Matteo Salvini. Un 19enne di Moniga, infatti, era alla guida di una Mercedes Classe A immatricolata in Germania e di proprietà della madre tedesca, per andare a prendere la fidanzata a scuola a Montichiari. Questa è la versione fornita dallo stesso giovane. A un certo punto, nella frazione di Barcuzzi, è stato fermato a un posto di blocco dagli agenti della Polizia Locale per eccesso di velocità. Infatti, andava a 61 km orari su una strada dove il limite era di 50.

Niente di particolare, aveva pensato, se non pagare una multa. Invece, si è visto portare via anche la patente e il libretto. Oltre a una sanzione da 712 euro che ha pagato subito, versando quindi il ridotto di 498. Perché queste conseguenze? Perché il giovane residente in Italia guidava un’auto immatricolata in Germania, cioé all’estero. Di conseguenza, per tornare a circolare deve seguire la stessa pratica di registrazione in Italia. Altrimenti dovrà tornare in Germania o essere confiscata.

Della situazione è stata avvisata anche la madre che ha chiamato il proprio avvocato e l’ambasciata per chiedere lumi su quella nuova legge che le è stata confermata. Dopo la sanzione pagata, è scattato quindi il sequestro del libretto e la notifica alla motorizzazione che ha stabilito il divieto di transito e la permanenza nel giardino di casa. A questo punto hanno sei mesi di tempo per regolarizzare la posizione del veicolo.

Comments

comments

1 COMMENTO

  1. Secondo me sarà l’ennesima insostituzionalità del decreto in quanto a torto o a ragione vige la libera circolazione all’interno dell’unione europea, immagino in questo caso la mamma abbia la residenza in italia altrimenti non si spiega. Per contro è positivo il fatto che nn potranno piu immatricolare macchinoni pagando tasse irrisorie e assicurazioni quasi inesistenti, perche effettivamente anche a Brescia o Rumeni, Ungheresi e simili sono diventati ricchissimi o Gatta ci cova