(red.) Nella giornata di ieri, lunedì 4 febbraio, al comando di via Donegani a Brescia la Polizia Locale ha presentato i risultati di una delle diverse attività, come il contrasto all’abbandono dei rifiuti e al degrado urbano. A proposito della spazzatura, d’intesa con Aprica e il Comune, nel 2018 sono stati condotti 2.053 controlli e portando a 1.537 sanzioni. In pratica, tre bresciani su quattro sono stati pizzicati nell’errato conferimento dei rifiuti. Per proseguire con questa attività, in città sono anche state piazzate diverse foto-trappole come sperimentazione per capire dove si verificano con più frequenza gli episodi di abbandono. Ma anche altre saranno installate.

Nel frattempo ogni mercoledì sera le pattuglie della Polizia Locale si muoveranno sul territorio per verificare il rispetto. Sul fronte del degrado urbano, invece, sono stati condotti 3.428 controlli tra parchi e aree verdi. 1.852, invece, le multe scattate per aver infranto il Regolamento di Polizia Urbana e di queste sono state 679 per accattonaggio molesto e 436 per consumo di alcol nei luoghi pubblici. Infine, gli agenti sono stati impegnati anche nel contrasto dell’evasione scolastica con 300 controlli richiesti dagli istituti per le assenze di studenti minorenni. Ma la maggior parte di questi, stranieri, si erano trasferiti nei Paesi di origine.

Comments

comments

3 Commenti

  1. Convengo appieno con la valutazione di Ruggero S. parola per parola. Spero ne tengano conto anche sindaco e A2A Ambiente e mettano in funzione il cervello; altrimenti a che li paghiamo?
    Andrea Breda

  2. Ahi Ahi Ahi….. ma non è che alla fine la raccolta costa di più di qualche anno fa? non so perché ma mi sorge il dubbio. Non vedo nemmeno più un seguito alla politica sui rifiuti, i cittadini è giusto che la differenzino, ma ancor più giusto sarebbe limitarne la produzione con una regolamentazione delle attività commerciali e produttive. Ah e poi sarebbe anche giusto che i cittadini possano anche apprezzare qualche risultato tangibile, apparentemente non si percepisce alcun vantaggio dalla differenziata degli ultimi anni, c’è chi inizia a valutare i soli disagi e tutto sommato non si può nemmeno negare quelli li si noti eccome, sparirebbero se solo fossero percettibili anche dei risultati positivi , dei vantaggi.