(red.) E’ stata una giornata di delirio quella di martedì 5 febbraio per un cittadino polacco di 39 anni che è stato arrestato per due volte nell’arco di poche ore in un paese della bassa bresciana. Le prime manette nei confronti dello straniero sono scattate all’alba nel momento in cui l’uomo, armato di utensili e arnesi da scasso vari, con il volto in parte nascosto da una sciarpa e un cappuccio, ha cercato di entrare al supermercato “Penny Market” di via Zanardelli a Carpenedolo. Stava per forzare la saracinesca dell’ingresso principale, ma non ha fatto i conti con il fatto che all’interno fossero già presenti i dipendenti che stavano sistemando la merce in attesa dell’apertura al pubblico.

Quando gli addetti lo hanno notato, hanno subito allertato i carabinieri al 112 e facendo arrivare i militari dalla stazione locale e del Nucleo Operativo e Radiomobile della compagnia di Desenzano. Il polacco, alla loro vista, aveva cercato di scappare andando verso il retro del market, ma è stato bloccato e arrestato. E nei minuti successivi gli sono stati concessi i domiciliari nella sua abitazione. Tuttavia, nel pomeriggio una pattuglia di passaggio sul posto non ha potuto fare a meno di notare lo stesso uomo che non aveva rispettato l’ordinanza e anzi stava passeggiando per il paese. Quindi, nuovo arresto e in quel caso è stato condotto nel carcere Nerio Fischione di Brescia per evasione.

Comments

comments