(red.) La Polizia Locale di Brescia ha presentato il bilancio dell’attività condotta nel 2018 per quanto riguarda gli interventi effettuati a difesa degli animali. A livello di numeri, si parla di 150 operazioni condotte dall’ufficio dedicato della municipale e non sono mancati alcuni casi clamorosi. Per esempio, c’è chi ha usato bocconi avvelenati o con pezzi di ferro per mandare fuori casa in primis i cani. Altri, invece, chiusi in garage, legati a una catena o abbandonati per ore sotto il sole.

Spazio anche a pitbull che hanno aggredito gatti, o liti di vicinato proprio per gli atteggiamenti degli animali domestici. Ma si segnalano anche episodi di cani e gatti investiti dai veicoli e con gli automobilisti che non si fermano. Nel bilancio si parla anche di 22 gatti trovati in pessime condizioni igieniche in una casa e il recupero di altri tra domestici, capre, mucche, anatre, galline e persino un daino, tutti in precarie condizioni.

Comments

comments