(red.) Nella giornata di sabato scorso 9 febbraio il termovalorizzatore di Brescia è stato protagonista di un particolare lavoro di smaltimento di rifiuti. Non la classica indifferenziata, ma cocaina. C’è subito da precisare che a livello ambientale non porta a conseguenze, ma è curioso il fatto che in città siano arrivate tonnellate di polvere bianca da distruggere. Si tratta del risultato di un’operazione condotta dalla Guardia di Finanza di Genova che aveva scoperto oltre 2 tonnellate di droga a bordo di una nave usata da trafficanti e per il trasporto dalla Colombia verso la Spagna.

Quando le Fiamme Gialle hanno intercettato il carico, hanno sostituito la polvere bianca con del sale per poi far continuare il viaggio e arrestare gli uomini che aspettavano il contenuto a Barcellona. Considerata la portata del carico, del valore di 673 milioni di euro, è stato indicato l’inceneritore bresciano come luogo adatto per lo smaltimento. 40 agenti della Finanza hanno fatto da scorta e un elicottero ha monitorato l’intera operazione.

Comments

comments