(red.) Scene di delirio da sabato sera che coinvolgono sempre di più i giovani, magari minorenni, quelle avvenute proprio lo scorso sabato 9 febbraio in due paesi della bassa bresciana, tra Corzano e Bagnolo Mella. In ordine di tempo, il primo episodio si era verificato nel primo paese intorno alle 19 nel parco pubblico che si trova in via Garibaldi. Alcuni ragazzini, infatti, hanno trangugiato diverse bottiglie di superalcolici, soprattutto vodka, che pare fossero state acquistate in un supermercato poco prima da un maggiorenne loro amico, l’unico a essere in grado di comprarle, visto quanto prevede la legge.

A un certo punto, però, un 14enne della compagnia ha iniziato a sentirsi male per poi accasciarsi a terra. Quindi, il resto della compagnia ha allertato i soccorsi al 112 facendo giungere un’ambulanza che ha condotto il ragazzo al pediatrico dell’ospedale Civile di Brescia. Nel momento in cui si è sentito meglio dopo il coma etilico, ieri, domenica 10, è stato ascoltato dai carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile della compagnia di Chiari e da quelli di Trenzano che stanno indagando sul maggiorenne che aveva acquistato i superalcolici.

A Bagnolo Mella, invece, sono incorse nei fumi dell’alcol due ragazze di 14 anni e una di 13 soccorse poco prima delle 21, sempre di sabato, fuori da un locale. Stavano festeggiando un compleanno a base di bottiglie, ma l’euforia le ha spinte a togliersi la maglietta e a vagare in giro quasi nude. Sul posto sono stati allertati i carabinieri che le hanno fatto rivestire, ma poi in seguito ai malori sono state condotte all’ospedale Civile e alla Poliambulanza di Brescia.

Comments

comments