(red.) Blu Hotels tra le prime dieci catene alberghiere italiane. È questo il risultato di uno studio condotto da Horwath HTL e presentato nell’ambito del Convegno “Catene alberghiere made in Italy: risultati e prospettive per il 2020”, organizzato da Associazione Italiana Confindustria Alberghi e Università Bocconi.
Nel corso del dibattito, al quale hanno partecipato protagonisti di importanti gruppi alberghieri italiani e i grandi player della distribuzione e del turismo on line, Nicola Risatti, Presidente di Blu Hotels, ha confermato l’impegno costante del Gruppo a raggiungere livelli sempre più alti nella qualità dei servizi.

 

“Per molto tempo siamo cresciuti aumentando il numero di camere del nostro portafoglio. Da due-tre anni ci stiamo concentrando maggiormente sulla qualità, cercando di potenziare sempre di più le nostre performance, investendo per rinnovare hotel e migliorare servizi. Proprio quest’anno abbiamo destinato circa 10 milioni di euro per ristrutturare le nostre strutture, con un’attenzione particolare per le nostre mete leisure” – ha affermato Nicola Risatti. 
Blu Hotels compare nella classifica dei venti brand nazionali al 4° posto per numero di camere (3.372) e al 6° posto per performance commerciali sulla base dei profitti registrati negli ultimi cinque anni. Blu Hotels è una catena alberghiera interamente italiana, leader di mercato per numero di strutture e per fatturato. Con 32 realtà tra hotel e villaggi, 3500 camere, oltre un milione di presenze, tre milioni di pasti serviti ogni anno, si classifica al 1° posto per numero di strutture e al 2° per numero di camere, secondo il ranking 2017 delle catene leisure in Italia realizzato da Horwart HTL Italia. I resort, presenti in rinomate località turistiche al mare in montagna e sui laghi, interpretano l’arte dell’accoglienza italiana nel costume, nella cultura, nel cibo e nella convivialità. Negli ultimi anni, Blu Hotels ha scelto di ampliare la propria strategia di hospitality nel segmento dei resorts a 5 stelle, puntando sulle eccellenze dell’ospitalità e dell’accoglienza italiane nei servizi offerti ai propri ospiti.

Comments

comments