(red.) Nelle ore precedenti a venerdì 15 febbraio i carabinieri bresciani della compagnia di Breno hanno arrestato un 34enne albanese, domiciliato a Lovere, nella bergamasca, per spaccio di sostanze stupefacenti. I militari erano impegnati in un normale posto di blocco a Berzo Inferiore, in Valcamonica, nel bresciano, quando si sono imbattuti nella vettura che hanno fermato. Si sono fatti dare patente e libretto e hanno accertato che il giovane era già noto alle forze dell’ordine per altri precedenti connessi alla droga. Così hanno perquisito il suo veicolo e, ricavato in uno spazio dietro l’autoradio, hanno trovato un anfratto contenente 35 grammi di cocaina e 2.500 euro in contanti, ritenuti provento dell’attività illecita.

E’ quindi probabile che l’uomo fosse in viaggio tra valle e Sebino per i suoi traffici. Il controllo si è poi esteso alla sua abitazione dove sono stati trovati altri 300 grammi di polvere bianca, 11 mila euro, una macchina sottovuoto per confezionare le dosi e vari arnesi. Sembra che la quantità di cocaina, opportunamente tagliata, gli avrebbe fatto incassare fino a 30 mila euro. I carabinieri gli hanno anche trovato una decina di cellulari dai quali cercheranno di estrapolare contatti e numeri di clienti e fornitori per risalire all’organizzazione dello spaccio.

Comments

comments