(red.) Domenica 10 marzo sarà, o potrebbe essere, una data cruciale per gli studenti, anche bresciani, degli asili nido e le materne. Infatti, come stabilito a livello nazionale da un decreto, entro quel giorno i genitori dei figli iscritti dovranno presentare la documentazione che attesti i vaccini obbligatori effettuati. Altrimenti dovranno restare fuori dalle aule. Almeno così sembra, anche se il ministro dell’Interno Matteo Salvini chiede di mantenere gli studenti all’interno delle classi per non provocare traumi.

Su questo fronte è al lavoro il ministro della Salute Giulia Grillo, ma sull’ipotesi di lasciare comunque in classe gli studenti da 0 a 6 anni, anche se non vaccinati, ha provocato delle reazioni. Per esempio, l’assessore lombardo alla Salute Giulio Gallera parla di un passo indietro e considerando che in regione si sono vaccinati il 95% dei bambini. Sorpresa dall’uscita di Salvini anche la consigliera regionale bresciana Viviana Beccalossi che definisce i No vax come “egoisti e irresponsabili.

Comments

comments