(red.) Lunedì 11 marzo era l’ultima data utile per mettersi in regola con le vaccinazioni e i documenti vari per quanto riguarda i piccoli studenti da 0 a 6 anni. E da oggi, mercoledì 13, a Ponte San Marco di Calcinato, nel bresciano, quattro bambini – due maschi e una femmina di 5 anni e un’altra di 4 – dell’asilo “Antonio e Maria Bianchi” dovranno restare fuori. Le famiglie, infatti, hanno ricevuto un decreto di espulsione dal sindaco Marika Legati perché non avrebbero presentato la documentazione necessaria. Tuttavia, ieri le famiglie coinvolte sono state ricevute proprio dal primo cittadino al quale hanno detto di aver mostrato tutti gli atti necessari per le vaccinazioni da effettuare all’azienda socio sanitaria del Garda.

E che la scadenza del 10 marzo, secondo loro, avrebbe riguardato solo quanti avevano presentato l’autocertificazione. Ed è anche emerso, sottolineandolo al sindaco, che nessun altro asilo o istituto in provincia avrebbe adottato quel provvedimento di espulsione. In ogni caso e al momento i quattro bambini dovranno restare fuori dalle aule in attesa di nuove decisioni e visto che riguardano studenti sotto verifica dal 2018.

Ma in generale si parla di una ventina di casi critici in tutta la provincia, di cui quattordici solo in città. Tuttavia, da palazzo Loggia fanno sapere di attendere eventuali disposizioni dal ministero della Salute prima di muoversi. La prossima scadenza sarà quella del 10 giugno quando l’Agenzia di Tutela della Salute presenterà gli elenchi degli studenti non in regola alle scuole e dando tempo fino al 10 luglio per regolarizzarsi.

Comments

comments

4 Commenti

    • Meglio prendere un 2 in grammatica ragionando con la PROPRIA testa che prendere un 110 e lode senza aver capito un cazzo.
      “I vaccini salvano la vita a lei e a tutti i bimbi che la circondano.”… sembra la pubblicita’ della cristoforetti.

      adesso capisco tante cose!!!!!

    • ma poi… perche’ le rispondo?
      Uno risponde ad un argomento serio e delicato con quello che pensa perche’ informato SERIAMENTE, e dall’altra parte replicano NON sul tema sostenendo un proprio pensiero o una propria tesi, ma solamente per evidenziare una lettera in piu’ in una parola.
      Solo questo fa capire quanto io abbia ragione…. ancora tanta, troppa ignoranza.

  1. Non condividendo e mai le condividero’ queste scelte Nazziste di obbligare le persone ad inniettare molteplici sostanze a piccole creature MINACCIANDO i genitori, RICORDEREI piuttosto i 365.000 NUOVI casi ogni anno SOLO in italia di chi si ammala di CANCRO. Visto che tengono cosi’ tanto alla nostra salute CONSIGLIEREI a chi di dovere di CONCENTRARSI maggiormente sui 360.000 e magari un poco meno a bucare i braccini a chi gode di una salute ottima.