(red.) C’è anche un personaggio molto noto nel bresciano per la sua esperienza a livello dirigenziale tra quelli finiti nei guai nell’ambito dell’inchiesta che ha provocato un “terremoto” connesso alla Provincia di Taranto. Si parla dell’ex presidente dell’ente pugliese Martino Tamburrano (Forza Italia) che si trova agli arresti per corruzione. Nella stessa indagine è finito anche Roberto Natalino Venuti, 50enne varesino e manager di Linea Ambiente, società controllata dalla bresciana Linea Group Holding di Rovato (per metà è di A2a) e con sede a Rovato, gestore di una discarica in Puglia che è oggetto di questa contesa e che ha portato agli arresti.

I due – Tamburrano e Venuti – sono in carcere da giovedì 14 marzo su disposizione del tribunale di Taranto. E con loro anche Pasquale Lonoce che è ritenuto il collegamento tra i due. Secondo l’accusa, il manager di Linea Ambiente avrebbe dato 5 mila euro al mese, un’auto e una casa a Tamburrano in cambio dell’ampliamento di 15 metri di una discarica a Grottaglie Torre Caprarica, in Puglia, dopo che la Provincia e il Tar gli avevano negato il permesso. In questo modo Lonoce avrebbe permesso lo scambio tra loro con una serie di tangenti. Secondo l’accusa e la Guardia di Finanza che ha indagato, ci sarebbe stato un accordo come prestazione di servizi ampiamente sovrastimato – da 2 milioni di euro – tra Linea Ambiente e 2Lecologia di Lonoce.

In questo modo, il denaro ricavato e pari a 5 mila euro al mese sarebbe stato girato a Tamburrano che poteva fruirne come voleva. E nell’ambito dell’inchiesta è finita anche la moglie dell’ex presidente provinciale alla quale, secondo gli inquirenti, Lonoce avrebbe pagato con 250 mila euro la campagna elettorale del 2018 per un seggio, non ottenuto, in Senato in quota Forza Italia. Nella stessa indagine è coinvolto anche un dirigente della Provincia finito in carcere, altri tre ai domiciliari e due indagati a piede libero. Linea Ambiente, in una nota, ha parlato di “piena collaborazione e massima fiducia nella magistratura”.

Comments

comments