(red.) L’ASSOCIAZIONE ADMR (Amici per la Diffusione della Musica Rock – Chiari (BS) )con il patrocinio del Comune di Chiari presenta  The Long Ryders live, Venerdì 19 aprile 2019 presso Auditorium A. Toscanini Chiari (BS) Via Roccafranca n. 7, inizio live ore 20.30.

 
Il 15 Febbraio è uscito il nuovo album dei Long Ryders indimenticata band losangelina formatasi all’inizio degli anni ottanta e scomparsa dalle scene alla fine di quel decennio.
Sono passati oltre 30 anni dall’uscita di Two Fisted Tales, ultimo album ufficiale della band e adesso arriva questo nuovo album dal significativo titolo Psychedelic Country Soul che riapre un capitolo che Syd Griffin sembrava aver chiuso definitivamente. 
The Long Ryders sono un gruppo rock statunitense, formato a Los Angeles all’inizio degli anni ottanta. Generalmente vengono associati al fenomeno chiamato Paisley Underground, il loro suono è ispirato a quello dei The Byrds nel periodo Gram Parsons, dei Buffalo Springfield e dei The Flying Burrito Brothers filtrati, però, attraverso l’esperienza del punk. Il gruppo si è sciolto alla fine degli anni ottanta per riunirsi poi nel 2004 per un breve tour europeo.
Sid Griffin, originario del Kentucky ma trasferitosi dal 1977 in California, e con alle spalle un EP con The Unclaimed, e dopo aver cercato, tra l’altro, di formare una band con Steve Wynn, fonda il gruppo alla fine del 1981. Il nome deriva dal titolo del film di Walter Hill I cavalieri dalle lunghe ombre e dai Byrds prendono l’idea di mettere la Y al posto della I. La formazione comprende, oltre a Griffin, l’altro chitarrista Steve McCarthy, il batterista Greg Sowders provenienti dagli Unclaimed ed il bassista Barry Shank. I Long Ryders si fanno le ossa sui palchi dei club di Los Angeles, che spesso dividono con The Dream Syndicate e True West. Nel 1982, sostituito Shank con Des Brewer, compaiono con alcuni brani nella compilation The Radio Tokyo Tapes. L’anno seguente pubblicano il loro primo disco: un minilp, prodotto da Earle Mankey, intitolato 10-5-60, nel quale è messa in evidenza la notevole vena compositiva di Griffin e l’energico sound chitarristico del gruppo. Dopo un aggiustamento della formazione il gruppo ha pubblicato nel 1985 l’album d’esordio Native Sons considerato il loro migliore ed in cui è ospite Gene Clark. Fu poi dello stesso anno State of Union, il disco che li vide esordire su marchio Island.
Nel 1987 Steve McCarthy ha formato i Gutterball. Il gruppo si scioglie nel 1989 e Griffin, dopo essersi trasferito a Londra forma The Coal Porters. Entrambi si sono trovati nel 1993 per realizzazione nell’album tributo a Gram Parsons Commemorativo.

Comments

comments