(red.) La Stazione Carabinieri di Gambara, nel corso di un’operazione antidroga portata a termine in Gottolengo la sera del 17 aprile 2019, ha tratto in arresto una 62 enne, gravata da specifici precedenti penali, colta nella flagranza di detenzione a fini di spaccio di stupefacenti. Nel contesto, è stato deferito all’Autorità Giudiziaria il figlio 40enne, indagato in stato di libertà per lo stesso reato.
I militari, impegnati in appositi servizi in quel centro, dopo un’attività info-investigativa rivolta ad un esercizio pubblico gestito da madre e figlio e connotato da movimenti sospetti, hanno deciso di svolgere un controllo di due soggetti che, all’interno dell’esercizio, avevano appena ricevuto altrettanti piccoli involucri dalla donna. I due giovani, effettivamente, erano in possesso di due bustine contenenti ciascuna 0,4 grammi di cocaina. La successiva perquisizione presso l’esercizio pubblico ha consentito di rinvenire 20 grammi della medesima sostanza, suddivisi in 47 dosi, che la donna custodiva nella borsetta depositata nel retrobottega, nonché la somma contante di 1.700 euro, sequestrata perché ritenuta provento dell’attività di spaccio. L’atto, esteso all’abitazione in uso ai due esercenti, ubicata nello stesso Comune, ha permesso il rinvenimento di un altro grammo di cocaina che è stato sequestrato, unitamente ad un bilancino di precisione ed altro materiale atto al confezionamento delle dosi di stupefacente.

Il complesso degli elementi raccolti non consentiva dubbi sui fatti occorsi, riferibili in primo luogo alla 62enne, essendo palese la destinazione della droga alla cessione a terzi, e pertanto la stessa è stata dichiarata in stato di arresto ed associata alla struttura carceraria “Verziano” di Brescia. Al termine dell’interrogatorio nel primo pomeriggio di ieri, il G.I.P. del Tribunale ha convalidato l’arresto applicando alla donna la misura cautelare degli arresti domiciliari presso l’abitazione in Gottolengo.

Comments

comments