(red.) La comunità bresciana di Castelletto di Leno e l’Italia sportiva di motocross sono in lutto per la morte di Maikol Signani, deceduto sabato 11 maggio mentre era impegnato in alcune evoluzioni sulla sua Suzuki sul percorso da cross di Dorno, in provincia di Pavia. Subito dopo il dramma, i carabinieri hanno sequestrato la due ruote e questa mattina, lunedì 13 maggio, all’ospedale pavese di San Matteo sarà effettuata l’autopsia prima di dare il nulla osta per il funerale.

Dal punto di vista della dinamica, sembra che il 29enne, operaio in un’azienda di Leno, si stesse allenando quando è stato sbalzato dalla sella e la stessa moto gli è finita addosso. Per il giovane è stato fatale un trauma cranico e inutile il trasferimento in codice rosso in ospedale per salvargli la vita. Per quanto accaduto sono arrivate le condoglianze dai moto club bresciani e da tutta Italia, mentre il profilo social dello sfortunato motociclista è pieno di messaggi, a partire da quello della fidanzata. Proprio due anni fa, nel 2017, Maikol era rimasto vittima di un incidente simile, ma in quel caso ne era uscito illeso. Lascia i genitori e un fratello minore.

Comments

comments