(red.) Nelle ore precedenti a mercoledì 15 maggio il giudice di Brescia ha condannato in primo grado a 10 anni di reclusione un uomo di 39 anni di Pozzuoli per tentato omicidio nei confronti del nuovo compagno della sua ex moglie. La vittima è un 50enne di Caserta, guardia giurata, che quasi esattamente un anno fa, il 7 maggio del 2018, incassò una coltellata da parte del rivale. Per quanto riguarda l’accusa, tra l’altro, si parla di aggravamento dovuto alla premeditazione e anche porto abusivo d’arma bianca. Quel giorno e nel momento in cui l’aggressore venne fermato si era giustificato con la Polizia dicendo di aver agito per gelosia. Quella mattina, come emerso dai messaggi che i due si erano scambiati, era previsto un incontro per risolvere la situazione.

Teatro di quell’appuntamento era la traversa Sesta del quartiere Abba a Brescia, in città, dove la guardia giurata vive con la donna e le due figlie di lei. Tutti erano fuori e la vittima era stata vista muoversi in modo nervoso davanti all’abitazione nonostante di solito a quell’ora fosse a letto dopo i turni di lavoro notturno. Subito dopo era arrivata una Bmw con al volante il 39enne che era uscito e aveva accoltellato il rivale prima di fuggire. La vittima era poi riuscita in qualche modo a raggiungere il portone d’ingresso e in seguito la Polizia aveva fermato l’aggressore al quartiere Primo Maggio. Aveva ancora il coltello usato per il colpo e ammesso tutto. Ora per lui è arrivata la prima condanna.

Comments

comments