(red.) Ci sono risvolti anche bresciani nell’ambito dell’inchiesta della Direzione distrettuale antimafia di Milano che nella settimana precedente a mercoledì 15 maggio ha portato a 43 arresti per tangenti e finanziamenti illeciti. Nelle ultime ore è emerso che il bresciano presidente della Confindustria Lombardia e a capo delle Officine Meccaniche Rezzatesi Marco Bonometti è indagato per finanziamento illecito.

Proprio ieri, martedì 14, insieme al suo legale, il leader degli industriali lombardi era stato sentito dai magistrati milanesi come persona informata sui fatti. L’accusa gli contesta un finanziamento illecito di 30 mila euro a un politico.

Comments

comments