di Sandra Perini
Il Tiglio (Tilia tomentosa) è un albero secolare di grandi dimensioni, caratterizzato dai piccoli fiori gialli che in questi giorni emanano il loro intenso e gradevole profumo.
Per i Greci era una pianta sacra consacrata ad Afrodite, e per questo simbolo di femminilità.
E’ un albero che può vivere fino a mille anni, e per questo ritenuto simbolo di longevità dalle popolazioni nordiche. Era nota l’usanza di piantarli nei luoghi degli incontri commerciali perché si riteneva che la presenza del tiglio potesse infondere calma e tranquillità nelle relazioni.

In fitoterapia si usano i fiori e le foglie per la ricca concentrazione di flavonoidi, tannini, cumarine e oli essenziali. Vediamo alcune proprietà:
• Espettorante e mucolitico grazie ai flavonoidi e alle mucillagini, indicato per la tosse grassa
• Antipiretico, favorisce la sudorazione e abbassa le febbre
• Antispasmodico per il colon irritabile
• Sedativo combatte l’agitazione, l’ansia, l’irritabilità e l’insonnia. Favorisce il rilassamento del sistema nervoso centrale.

 

Lo si può utilizzare sotto forma di tisana, estratto secco o di macerato glicerico.
Il miele di Tiglio favorisce il sonno, calma la tosse e il mal di gola oltre a proteggere il fegato.
Elimina la stanchezza e favorisce il decongestionamento delle mucose, utile come impacco per le borse degli occhi e li arrossamenti cutanei o per i piedi stanchi e gonfi.
In aromaterapia l’assoluta di Tiglio è rara e preziosa, rilassa il sistema nervoso e cardiocircolatorio. Sulla psiche ha un effetto particolare, dona ispirazione e favorisce l’estro creativo secondo la particolare inclinazione della persona. Dona immediatamente una sensazione di leggerezza e vitalità. 
Sandra Perini, naturopata, aromaterapeuta e psicoterapeuta, lavora a Brescia. Visita il suo sito e segui le sue conferenze.
La Naturopatia è un insieme di discipline olistiche complementari che si occupano dello stato di salute della persona attraverso una valutazione energetica e funzionale. Essa attiva la forza di autoguarigione insita nella persona e la sua capacità di autoregolazione utilizzando metodiche e rimedi naturali. Opera nell’ambito della prevenzione attraverso la disintossicazione a livello fisico ed emotivo, mentale ed energetico. Non si sostituisce ad un parere medico, anzi, in molti casi, il Naturopata collabora con il medico promuovendo anche il percorso di consapevolezza della persona. 

 

ECCO ALTRI ARTICOLI 

Perchè non trascurare il fegato in primavera

Controllare il colesterolo con i semi di girasole

 Tristezza e apatia? L’olio essenziale di limone

Lacrime di mirra come analgesico e cicatrizzante

Raffreddore, come prevenire starnuti e mal di gola 

Halloween, la zucca sì ma è da mangiare

Autunno, “cambio di stagione” che butta giù

Legionella, i rimedi naturali contro il batterio 

 Pressione alta, le 6 mosse per la prevenzione

Le sette mosse per combattere la canicola estiva

Gonfiore delle gambe? Menta e ippocastano

I cinque rimedi naturali contro le infiammazioni 

L’elisir di lunga vita? Bere due litri di acqua al giorno

Primavera: nove rimedi naturali contro le allergie

Stress e stanchezza? Un aiuto dal Magnesio

Vitamina D: tre motivi per tenerla sotto controllo

Omega 3: Acidi grassi necessari per l’organismo

Un Natale speciale con un mix di oli essenziali

Zenzero: le sei proprietà ‘magiche’ della radice 

Ipertensione? La lavanda ti può dare una mano

Melograno: frutto di stagione con bonus vitaminico

Smog e Pm10: tre ingredienti per difendersi

Aromaterapia contro i malanni dell’autunno

Comments

comments