(red.) “In attesa dell’autonomia, la Lombardia gestisca per conto dei cittadini del sud i servizi fino a oggi forieri di sprechi e perdite. La mia è ovviamente una provocazione, ma visto che ci sono ben 8 regioni che ogni anni accumulano 31 miliardi di passivo, chi vive nel mezzogiorno avrebbe solo da guadagnarci, perché peggio di così di certo non si può fare”.

 
Lo dichiara Viviana Beccalossi, consigliere regionale della Lombardia (Gruppo Misto) commentando lo strappo sull’autonomia a Palazzo Chigi tra Lega e Movimento 5 Stelle. 
“La Lombardia –prosegue Viviana Beccalossi- ha un saldo fiscale attivo di 54 miliardi: risorse provenienti dalle tasse dei suoi cittadini che ogni anno restano a Roma. Viceversa, Sicilia, Puglia, Calabria, Campania Sardegna, Abruzzo, Basilicata e Molise hanno un passivo accumulato di 31 miliardi. Altro che ‘spacca Italia’: la richiesta di maggiore autonomia da parte delle regioni virtuose è motivata dal modo disastroso con cui una parte del Paese gestisce la cosa pubblica, senza avere il coraggio di dirlo ai suoi cittadini”.

Comments

comments