(red.) In Valtrompia, nel bresciano, si sta affrontando una situazione particolare che coinvolte un senzatetto residente a Villa Carcina e di cui scrive Bresciaoggi. Infatti, da giugno abita in un camper in sosta in via dei Pianotti, nel confinante paese di Sarezzo. L’uomo è separato e attualmente deve pagare il mantenimento alle figlie e per questo motivo con il solo stipendio da addetto nella casa di riposo di Sarezzo non riesce a trovare un’abitazione. E come forma di protesta ha deciso di porre un alloggio all’esterno del municipio di Villa Carcina. La sua azione è una richiesta di aiuto e nel frattempo anche da via Pianotti i residenti parlano di una situazione insostenibile. Tanto che sul posto sono anche stati chiamati i carabinieri.

Durante i controlli, l’uomo ha consegnato della marijuana che ha ammesso di consumare come uso personale per riuscire a dormire. Tuttavia, dal Comune di Villa Carcina danno una versione diversa. Infatti, pare che il senzatetto sia stato incontrato dall’assessore ai Servizi sociali Stefano Mino e da un assistente sociale, ma avrebbe rifiutato ogni forma di aiuto, tra un dormitorio e un’abitazione dedicata per padri separati a Lumezzane. E ora ha perfino occupato l’appartamento di proprietà della moglie che, secondo lui, avrebbe portato via le figlie a Brindisi. Una situazione che l’uomo si dice pronto a denunciare.

Comments

comments