(red.) E’ un caso particolare, non unico a livello nazionale, quello avvenuto ieri, venerdì 9 agosto, in via Milano a Brescia. Una pattuglia della Polizia Locale, infatti, si è imbattuta in un utente che si stava muovendo sulla strada a bordo di un monopattino elettrico. Tuttavia, negli spazi pubblici della città e di altri paesi della provincia è vietato. Infatti, il mezzo non presentava alcuna omologazione, assicurazione e targa e visto che a livello nazionale su questo fronte non si è mai legiferato l’autista si è visto sequestrare il particolare veicolo. Ne dà notizia il Giornale di Brescia. Mezzo che l’uomo ha ammesso di usare da oltre un mese per muoversi tra casa e lavoro.

Al momento il veicolo è stato fermato e lunedì 12 agosto saranno effettuate tutte le prove tecniche del caso per misurare la velocità massima alla quale può andare. E nel caso il sequestro potrebbe diventare definitivo. Il diretto interessato ammette di non andare troppo veloce per risparmiare la batteria e di sfruttare le piste ciclabile dove sono presenti. E a questo punto si valuta anche se non sia il caso che Brescia, come per esempio hanno fatto Milano e Torino, aderisca alla sperimentazione promossa dal Ministero dei Trasporti.

Comments

comments