immagine d'archivio

(red.) Nella giornata di domenica 11 agosto, sulle montagne della Valcamonica, si è svolto l’intervento di recupero di un escursionista bresciano, Dante “Fausto” Steffanoni, 66 anni, residente a Cortefranca. La vittima, nota per essere stato l’ex-presidente del Cai di Provaglio d’Iseo, ha perso la vita in un tratto molto impervio nella zona della Cima Aviolo, nel comune di Edolo.

 

Era partito da Malga Stein, diretto verso la vetta. Ha percorso un tratto in cresta ma poi è scivolato. La dinamica dell’incidente è in fase di accertamento. I soccorritori hanno operato in condizioni ambientali e meteorologiche molto complesse, anche a causa della presenza di nebbia, che limitava la visibilità. Dopo la localizzazione del corpo è cominciata la fase di recupero: impegnati una trentina di tecnici Cnsas, appartenenti a diverse stazioni della V Delegazione Bresciana, che hanno collaborato con Sagf – Soccorso alpino Guardia di finanza e Vigili del fuoco. Le operazioni si sono svolte in presenza dell’elisoccorso e dell’elicottero di protezione civile della Regione Lombardia; quest’ultimo ha portato in quota le squadre e ne ha effettuato il recupero al termine.

Comments

comments