(red.) Nella giornata di ieri, lunedì 26 agosto, due escursionisti spagnoli sono rimasti vittime dell’esplosione di un ordigno risalente alla prima guerra mondiale e trovato sul Presena, lungo i monti al di sopra della provincia di Brescia. I due 20enni erano sul Tonale e uno di loro ha riportato gravi ferite, mentre l’altro ha avuto solo un trauma. Stavano scendendo dal Presena verso il Mandrone e la val Genova lungo i percorsi affrontati dai soldati nel primo conflitto mondiale. E hanno trovato, dopo aver scavato vicino alla cabinovia del Presena verso il passo del Lago Scuro, un proiettile tracciante di grosso calibro.

I due lo hanno quindi raccolto e poi condotto alla luce per esaminarlo, ma lo spostamento ha innescato la carica interna facendolo esplodere. Sono stati altri escursionisti ad allertare i soccorsi e facendo muovere il Soccorso alpino e le ambulanze. Portati fino al Tonale, sono stati condotti con l’elicottero all’ospedale Santa Chiara di Trento. E uno di loro ha riportato l’amputazione di due dita. I carabinieri si sono occupati di ricostruire quanto era successo.

Comments

comments

1 COMMENTO