(red.) Salvato grazie al defibrillatore che era presente all’interno della struttura sportiva. E’ quanto successo nel tardo pomeriggio di sabato 19 ottobre alla piscina di Chiari, nel bresciano, a un 70enne. L’anziano aveva raggiunto l’impianto per concedersi qualche vasca nuotando come era solito fare anche per tenersi in forma. Ma a un certo punto, pochi minuti prima delle 18,30 si è avvicinato a una scaletta per risalire dall’acqua e dopo aver sentito un malore.

Si è poi accasciato ed è stato subito soccorso dal personale della piscina che ha usato il defibrillatore per la prima assistenza medica. Sul posto sono poi arrivate l’automedica e un’ambulanza a bordo delle quali i sanitari hanno operato per un’ora per rianimare il bagnante. E’ stato poi condotto all’ospedale Mellini e non sarebbe in pericolo di vita.

Comments

comments