(red.) Nei giorni precedenti a lunedì 21 ottobre un 54enne è stato arrestato in Valcamonica, nel bresciano, dai carabinieri di Esine con le accuse di estorsione, furto e circonvenzione di incapace. E’ successo quando l’uomo si è presentato all’abitazione di una 48enne, in quel momento al lavoro, trovandosi di fronte il figlio 12enne. A quel punto, qualificandosi come venditore a domicilio, è riuscito a farsi aprire e, raggiunto il salone, ha cercato di rubare la televisione da 40 pollici che aveva caricato sulle spalle e cercando di allontanarsi.

Ma il ragazzino, sospettando qualcosa, aveva telefonato alla madre che aveva chiamato i carabinieri e poi era tornata velocemente a casa. Trovandosi di fronte allo sconosciuto, gli ha detto di restituire la tv e questo ha brandito una spatola da muratore minacciando la donna e parlandole di un presunto debito che lei aveva fatto. Ma la 48enne non aveva mai conosciuto quell’individuo. Subito dopo ci hanno pensato i carabinieri della stazione di Esine inducendo l’uomo a restituire la televisione. Con precedenti per reati contro il patrimonio, è stato arrestato e convalidato dal giudice del tribunale di Brescia che lo ha condotto in carcere.

Comments

comments